L’Ululato - La sacralità del Mistero

Difficilmente un uomo riesce a rimanere emotivamente indifferente quando ascolta questo misterioso canto. Vuoi perché fin da piccolo cresce ‘’vittima’’ male-informata che lega l’Ululato ad avvenimenti o presagi o personaggi funesti, vuoi perché, arrivato ad una certa età e acquisite altre informazioni, resta affascinato da un’idea cosmica, diametralmente opposta alla prima, che ne fa un segnale rasserenante emesso da una Creatura che veglia nell’ombra mostrandosi solo in talune circostanze e solo ai più meritevoli.
Viste le due forme di insegnamento/apprendimento, è facile capire il perché della diversità opinionale, generata da Favole e Leggende che l’un l’altra si confermano e si smentiscono.

Leggi ‘’La Saggezza di Gloria’’

L’Ululato a cui la globalità umana è più legata, è quello del Lupo.

In realtà, l’Ululato non è che un modello comunicativo emesso da quegli Animali che hanno un idioma meno complesso del nostro ma pur sempre fornito di ‘’coloriti’’ vocalizzi dai molteplici significati a seconda delle situazioni per cui vengono emessi.

- Approfondiamo -
Tutti gli Animali che vivono in un contesto sociale, sono muniti di capacità comunicative che esaltano le peculiarità dei singoli soggetti e le loro intenzioni. Ogni Specie ha il suo idioma, ogni età ha una sua modalità espressiva.
Le capacità comunicative sono composte da linguaggi corporei: odorosi, visivi, uditivi e tattili; ad ogni vocalizzo corrisponde una precedente o seguente comunicazione visiva e/o odorosa e/o tattile.
L’Ululato nello specifico, avendo una potenza acustica diversa da un uggiolio / pianto / vocalizzo infantile o un abbaio, mostra una gamma sensoriale che promuove notizie geografiche, sociali e notizie emotive.
Pensate per un attimo alle diversità del nostro espressivo fonico che, a seconda delle circostanze e di ciò che in quelle circostanze proviamo, muta. Fra euforia, serenità, tranquillità, preoccupazione, tristezza, solitudine e sgomento, il tono e il volume della nostra voce cambia. E così è per l’Ululato: da alto, acuto o basso, profondo, intervallando i mutanti stati d’animo, racconta particolarità del vissuto presente, scoprendo ogni più piccolo segreto celato nell’animo della Creatura, nascosto dal precedente silenzio alla realtà del mondo.

Significativa è l’età del soggetto e la sua esperienza di vita. E significativo (come proprietà che ne puntualizza lo stato sociale) è il suo carattere (carattere dell’individuo), ossia, chi è costui, come si inserisce nel contesto della Società.

- Per rimanere nell’ambito della comunicazione di Animali semplici rispetto all’uomo, i riferimenti alla ‘’Società’’ (che in ambito umano hanno un significato molto più ampio), vorrei che li intendeste pensando come ad una Comune familiare e come ad una Famiglia vera e propria, poiché, solo l’essere umano è un Animale che nasce sociale/familiare (sociale nel familiare), e diviene sociale/sociale (sociale nel sociale).

Partendo da questa immagine è possibile catturare e vivere tutta la Poesia della comunicazione, nonché la Magia dell’Ululato.

Per capire la tipologia dell’Ululato e vivere il suo più intimo significato, interessante (per me ‘’affascinante’’) è riconoscerla dalla tonalità, dal luogo, dalla circostanza per cui viene ‘’lanciato’’.
Questo canto non viene emesso se non ci sono delle causali molto particolari. Non è infatti un gioco e mai lo sarà, e non lo è neanche nei primi cenni dati dai Cuccioli. L’Ululato, in tutte le forme per le quali viene divulgato, trasmette sempre la ricchezza emotiva che l’ha indotto, mettendo a nudo verità che potrebbero dimostrarsi ‘’scomode’’ coinvolge appieno colui o coloro a cui (il messaggio) è rivolto (colui o coloro che raccolgono il messaggio).
Un individuo solitario è spinto dalla socialità, dal bisogno di vivere in compagnia, a lanciare lo speciale richiamo. Ragionando sulle difficoltà della vita in libertà, dovremmo pensare a lui (a chi ‘’chiama’’) come ad un individuo sufficientemente forte da permettersi di svelarsi, o tragicamente ‘’devastato’’ (in questo secondo caso potrebbe essere un richiamo a chi una volta rispondeva … la sua tonalità è molto bassa e più che un’offerta di compagnia è una ‘’supplica’’).

Fattore magico, e pazzesco per noi esseri umani costretti a vivere nella menzogna, è la trasparenza di un tale messaggio tanto ricco di informazioni!

La formazione di un Nucleo - Nel momento in cui viene lanciato il messaggio, non ascoltiamo una canzone senza fine, ma una serie di intonazioni più o meno lunghe intervallate da silenzi carichi di una particolare tensione tipica di chi resta in attesa di un qualcosa che potrebbe cambiare la propria vita (da umana aggiungo: in meglio / migliore prospettiva futura). Se la risposta che arriva da ‘’lo sconosciuto’’ è un’accettazione, è questo l’inizio di una ‘’lunga amicizia’’. Fantastico anche il canto che poi insieme intoneranno per avvertire chi ascolta, o semplicemente per suggellare la conoscenza che si è trasformata in unione.

Video Cenerentola e il suo Principe

Se i due fortunati solitari sono anche di sesso opposto, ecco che un domani, allorquando dei Cuccioli avranno allietato la loro unione, il canto raggiungerà un altro livello perché anche i Piccoli si uniranno al coro dei Genitori nel momento del rinsaldo familiare. È un canto che si emette nella zona rendez-vous, la zona sicura.
Questo tipo di canto comunica la presenza di un Branco completo. Ed essendo il Branco formato da due Adulti e dei Cuccioli, informa di quanto debba essere sicura la zona, e di quanto siano forti i Genitori, altrimenti il canto non si sentirebbe.
Ancor più sicurezza e serenità, trasmetterà il coro di un Branco più numeroso, composto da altri elementi adulti oltre alla Mamma e al Papà; il momento del rinsaldo divulgato al mondo, è un crescendo di toni che vanno dal più basso di colui che da il ‘’la’’ (o sarebbe meglio forse dire il ‘’do’’ sia per la profondità della nota sia perché il ‘’do’’ è la prima nota della scala musicale, e chi la intona, è la Guida della Famiglia) al più acuto degli ultimi nati. Nella meraviglia del canto, i componenti del coro dichiarano la loro identità all’interno della Famiglia e comunicano a chi si trova a portata di ascolto, la loro posizione e il numero dei componenti del Nucleo.

Video Cuccioli e Genitori - Lupi artici di Mech

Chiunque si trova in ascolto, viene a conoscenza della presenza e del controllo di quel Branco nel/sul territorio da cui arriva il canto. Quando un Branco si stabilizza in un sito, vuol dire che quel sito è provvisto di tutto il necessario per il sostentamento della Famiglia. Percepire l’Ululato della Famiglia di Lupi è più che mai rassicurante secondo molti punti di vista. Senza voler toccare il discorso ‘’equilibrio dell’Ecosistema’’ (vedi: Come i Lupi salvano i fiumi), attraverso quel segnale, siamo informati su quale sia la loro zona; conoscendo il modello comportamentale dei Lupi allorquando si stabilizzano in un luogo, siamo anche sicuri che da quel luogo non hanno nessuna intenzione di uscire, soprattutto se nessuno li disturberà mettendoli in condizione di farlo. Loro per primi non amano rompere la ‘’monotonia’ che gli permette di vivere serenamente. Non contando poi che la diffidenza che li contraddistingue in saggezza, non gli consiglia di avventurarsi nell’ignoto se non per necessità di sopravvivenza.
Branchi attigui, attraverso i ‘’canti’’ avranno ulteriori conferme dei confini e del disinteresse a lasciare quel posto. Più Branchi che intonano i loro ululati, confermano i limiti invalicabili e confermano certezze attinenti.
Non so come spiegarlo meglio ma, è come se, quel canto che per molti versi, fantasticando sui teatrini che ci hanno cresciuti, può terrorizzare, sia al contrario una forma di sicurezza: finché si sentirà lì, il quel luogo, sapremo che lì non è cambiato nulla e non è cambiato nei territori attigui, altrimenti quel canto non si udrebbe o sarebbe diverso (più lontano, più vicino, meno numeroso di voci) … sono i cambiamenti a creare incertezze, a dare insicurezze, non le quotidianità.

- Riflessione: c’è una cosa che mi lascia tanto perplessa fra le comunicazioni a cui assisto a casa. I nostri Branchi (di Cani) si rispondono sempre o quasi sempre, mentre non rispondono ai Branchi (di Cani) che ci sono nella collina antistante la nostra. Restano in ascolto se si trovano in giardino, e la loro sosta ad ascoltare è più o meno lunga; credo dipenda (la sosta ad ascoltare) da quello che ‘’gli Altri stanno dicendo’’. È come se per un attimo volessero conoscere il motivo del canto, e una volta saputo, se ritenuto interessante, sono pronti a seguire al discorso, altrimenti girano le spalle e vanno a fare qualcos’altro; fino ad oggi, non è mai capitato che interferissero / si rispondessero … in Natura, sarà lo stesso? … i ricercatori usano Il Wolf Howling, o tecnica dell'ululato indotto, per localizzare gli esemplari di Lupi dispersi o siti nei diversi territori; e molte sono le risposte che ottengono (pur sapendo, i ricercatori, che non tutti i Lupi presenti rispondono). … chi risponde lo fa per confermare una presenza? Probabile! … e chi non lo fa? Forse per una forma di insicurezza o perché forse ’’quel canto’’ non dice nulla (nulla per chi ascolta) oppure non tratta di argomenti interessanti o semplicemente che non hanno alcun senso in quel particolare momento (d’altronde non possiamo sapere cosa in realtà l’Ululato registrato stia ‘’dicendo’’ visto che non conosciamo il vero significato delle ‘’loro parole’’)

Sonoro Branchi di casa si rispondono

La ricerca di un compagno perduto.
Accade che, in circostanze particolari, due compagni si trovino separati; non sappiamo cosa abbia generato la divisione; di norma è per un qualcosa di improvviso che ha disorientato i due e li ha spinti ad una fuga o ad uno scontro e successiva fuga. Nel disordine generale, i due si sono trovati separati e, una volta percepito che il pericolo è cessato, ecco che viene lanciato il messaggio per ritrovarsi.

Video Ti chiamo

Struggente, soprattutto per noi che diamo corpo all’astrazione dell’accaduto, è il canto in prossimità del Compagno morto … ‘’il canto a cui sempre Egli ha risposto, adesso non produce più alcun effetto’’ … chi lo intona non capisce, non può afferrare il tragico significato di questa mancanza … il suo Amico è lì ma è completamente indifferente alla richiesta … Noi umani interpretiamo gli Ululati che seguiranno, come canti di addio di chi ‘’ancora c’è a chi c’è ma non c’è’’, canti che esprimono il profondo dolore provato (forse anche nel ricordo di quel che è stato e che tragicamente si è concluso). … forse!
Sicuramente chi resta, un certo ‘’dolore’’ o ‘’sgomento’’ lo sta provando, ma da questo a fantasticarci sopra ce ne passa … Molto probabilmente, quello che in realtà nell’Ululato sta dicendo/esprimendo chi canta, è la semplice constatazione di una realtà che sta mutando … piano piano, l’odore del corpo dell’Amico non sarà più lo stesso, le sue risposte saranno sempre più diverse dalle solite e, in un susseguirsi di nuovi risvolti, si arriverà al momento in cui, sarà necessario il cambiamento totale. Lasciare il posto, rifarsi una vita, ritrovare le certezze del sociale familiare altrove … sperando (dico io) che il Ramingo ritrovi presto un Nucleo e non finisca i suoi giorni in solitudine, cosa che per un Animale sociale è una tristissima realtà.

Leggi ''Il Lutto''

Il biologo Doug Smith, che da anni segue i risvolti della vita del Lupo nell’ambito del Parco di Yellowstone nel Wyoming, ne riconosce tre tipologie, tutte di natura sociale (logicamente): richiamo, avvertimento, rinsaldo.
- Richiamo, di un soggetto sperduto o in cerca di un Compagno.
- Avvertimento, ad un ipotetico intruso che ‘’il luogo’’ non può essere valicato.
- Rinsaldo, fra membri del Branco.

Mech sostiene che l’Ululato del mattino, si l’annuncio alla caccia.


L’Ululato per il Cane

Figlio del Lupo, il Cane conserva questa meravigliosa espressione che non tutti i sapiens amano, al contrario di altri (come me) che invece ne sono sempre più affascinati, tanto da intonarla con il proprio Compagno di pelo. Video ''Il primo ululato di Faal''
Quando si vive con più di un Cane, è possibile assaporare tanti risvolti del canto lupino.
I nostri Saarloos ululano al mattino poco prima dell’ora della pappa. Ululano verso le 5, quando si inizia a smuovere il ritmo del tardo pomeriggio che avrà fine a serata inoltrata. E ancora ululano se sono io ad intonare il canto e se invece sto zitta e il canto parte da loro, allora mi invitano a partecipare venendomi a cercare e mettendosi vicino a me una volta che mi hanno trovata.
Alcuni, l’intonano in risposta ad una musica particolare … Eowyn, ad esempio, non è mai riuscita a resistere all’interpretazione dei Topini di Cenerentola della canzoncina ‘’Bidibi-Bodibi-Bu’’!...come la sentiva (era la soneria del mio cellulare), subito ululava <3
Altri invece rispondono al suono delle sirene o a quello delle campane.
Il tono del canto, è più o meno cupo o alto, a seconda del rango dell’individuo che l’intona e a seconda dell’età nonché della razza. Passiamo infatti da toni bassi ad alti se i soggetti sono adulti e appartengono a livelli neotenici alti per arrivare al primo livello d’infanzia dove l’Ululato è più che altro un abbaio più che acuto (oserei dire uno squittio con del carattere :D ).

È possibile che il Cane ululi quando è solo (chiama i Compagni per sentire dove stanno); quando passa l’auto della polizia o l’ambulanza (probabilmente risponde ad una tonalità particolare delle sirene); quando chiacchiera con te fra l’infantile e il festante, esprimendo la sua felicità perché sei tornato a casa.
Sonoro - Gli Ululati di casa interessante confronto con una Famiglia del Bosco ... e

Un cantante da brividi ;) :D

 

torna indietro