Animasensum * Battito Animale

Esiste un’Energia fondamentale per la Vita dell’Universo.

Possiamo presentarla dicendo semplicemente che ‘’Essa permette a tutti coloro che si vogliono mettere in contatto con qualcuno o con qualcosa approfondendone il significato, di parlare attraverso istinto e percezioni, usando un linguaggio che sprigiona la forza interiore’’.

Nella cultura occidentale è identificabile nella parola ‘’spiritus’’; nelle discipline orientali è riconosciuta con il termine ‘’ki’’.
Il significato di questa parola è ‘’pneuma’’, ovvero ‘’soffio vitale’’.

In ambito religioso possiamo fare riferimento al soffio di Dio. In ambito naturale potrebbe essere il soffio del vento che trascina con se forme di vita. In ambito semplicemente medico, non è che il respiro, ossia quel che permette l’entrata di aria ossigenata nei polmoni e la fuoriuscita di ciò che è ritenuto dall’organismo non utile (tossico).
In tema filosofico possiamo dare sicuramente una traduzione più vasta e illuminante che ci porta a capire il discorso in maniera più intensa:
‘’il soffio vitale è ciò che dà la Vita ad un corpo. È l’energia che dà la Vita. È l’energia che si muove fra corpo e mente collegandone l'espressione/l’espressività. È l'essenza individuale che nella sua intensità, permette il collegamento fra le Vite - nell'interazione con la realtà e con tutto ciò che è esterno alle Entità che fanno parte del presente specifico’’.

- Nell'evoluzione del processo vitale, cresce l'energia dell'individuo nel contesto del se e fra gli altri individui. -

Lo ‘’spiritus’’ o ‘’ki’’, è:
Il battito del cuore – identificabile nel passare del tempo e nell'esperienza che genera "cultura"
Il respiro – pronunciato come il soffio della Vita che ha origine all'interno del corpo e genera, in ogni momento in cui si completa, la sua purificazione, mantenendo in tal modo la forza connubiale dell'Equilibrio e dell'Armonia.

 


Tramite uno studio condotto dalla dott.ssa Suzana Herculano-Houzel, psicologa e biologa della Vanderbilt University (Tennessee), è stato elaborato un metodo per quantificare il numero di neuroni corticali nel cervello di 8 specie di carnivori domestici e selvatici.
I Cani sono risultati avere 530 milioni di neuroni corticali.

Prendendo in esame la comparazione con l’essere umano, si evidenzia l’impossibilità di poter attribuire al Cane, tutte quelle prerogative emotive e cognitive proprie della specie umana che, ricordo, possiede (come denunciato anche dalla stessa dottoressa) 16 miliardi di neuroni corticali.

Essere al corrente di una tale diversità, è fondamentale per poter interpretare il linguaggio del nostro Amico Cane, e per poter avere con lui un rapporto basato sulla ‘’verità’’.

Lasciando da parte tutto ciò che molti umani (definiti anche specialisti del settore) sproloquiano sull’argomento, chiedo a tutti coloro che cercano un aiuto per interagire con i propri ‘’fidi compagni’’, di non affidarsi a chi parla di loro in maniera molto simile all’espressione umana.


In merito alle confusioni dei concetti, riporto in esempio, un articolo sull'Empatia (un'espressione emozionale dell'immedesimazione)
http://www.stellagrigia.eu/articoli/empatia.htm

Il nostro respiro - il respiro del mare della montagna del cielo del bosco - video

 

Etologia - da ''eto'' (greco ''conoscere'') e ''logia / logos'' (greco ''discorso'')
Anemosofia - da ''anemos'' (greco''soffio'' - ''nascita'') e ''sofia'' (greco ''sapienza'')
Animasensum - da ''animalis / anima'' (latino ''che dà la vita'')
e ''sentio'' (latino ''conoscenza'' - ''percezione intima'' - ''provare sensazioni'')

 

torna indietro